Previous Next


Post pubblicato il 21 Marzo 2020 sulla pagina di facebook "Genova Antifascista"

Testimonianza n. 3. Alcune riflessioni che vengono dalla letteratura.


Mi è stato chiesto un breve scritto su come sta cambiando il mondo del lavoro al tempo del Covid-19 e su come sta cambiando la nostra vita professionale. Probabilmente farò la fine che feci nell’82 all’esame di maturità, quando andai fuori tema e presi 3+: 3 perché, appunto, fuori tema; “più” perché, comunque, era ben scritto. Chiedo scusa se non elencherò le differenze tra il mio mondo del lavoro prima e dopo l’avvento del coronavirus, e domando venia anche perché mi sa che non sarò neppure breve. Vi propongo, invece, una manciata di passaggi di scrittori e pensatori che avevano visto lontano e che, come spesso succede, non sono stati ascoltati, o meglio, non sono stati letti.

Inizio con qualcosa di Huxley, da “Ritorno al mondo nuovo”, datato 1958: “La malattia intensifica la suggestionabilità. Infatti nei secoli passati le corsie degli ospedali furono teatro di innumerevoli conversioni religiose. Il dittatore scientifico di domani riempirà gli ospedali di altoparlanti e i cuscini di microfoni. Ventiquattro ore al giorno trasmetteranno persuasione in scatola; i pazienti più importanti saranno visitati da tecnici specializzati nella salvezza politica delle anime e nella mutazione dei cervelli, allo stesso modo che in passato i loro predecessori ricevevano le visite dei preti, delle monache e dei laici devoti”.

Anche Zerzan ha qualcosa da dire sulla malattia, nel suo “Future primitive and other essays” del 1994 scrive: “Prima della civilizzazione la malattia praticamente non esisteva. Come poteva essere altrimenti? Da dove provengono le malattie degenerative e infettive, i malesseri emotivi e tutti gli altri disturbi se non dal lavoro, dalla tossicità, dalla città, dall'estraniazione, dalla paura, dall'insoddisfazione, dall'intero tessuto di una realtà deteriorata e alienata? Distruggendone la fonte si sradicherà la sofferenza. I piccoli disturbi si potrebbero trattare con erbe e rimedi analoghi, senza parlare di una dieta basata su alimenti sani e non trattati”.

E allora a questo punto andiamo a leggere cosa riporta Vaneigem nel “Trattato del saper vivere” del 2006 su questa realtà deteriorata e alienata: “Eccoci al tempo degli orologi. L’imperativo economico converte ogni uomo in cronometro vivente, segno distintivo al polso. Ecco il tempo del lavoro, del progresso, del rendimento, il tempo di produzione, di consumo, di pianificazione; il tempo dello spettacolo, il tempo di un bacio, il tempo di un cliché, il tempo per ogni cosa (time is money). Il tempo-merce. Il tempo della sopravvivenza”.

Tempo del rendimento, scriveva Vaneigem; guardate cosa sosteneva Orwell sull’efficienza ne “La strada di Wigan Pier” (1937): “Tutto il progresso meccanico tende a una sempre maggiore efficienza: in ultima analisi, dunque, a un mondo in cui non avvengono errori. […] In un mondo dal quale il pericolo fisico fosse stato bandito – ed evidentemente il progresso meccanico tende a eliminare il pericolo – avrebbe il coraggio fisico qualche probabilità di sopravvivere? Potrebbe sopravvivere? E perché la forza fisica dovrebbe sopravvivere in un mondo dove non ci fosse più la necessità di lavorare con le braccia? Quanto a virtù quali la generosità, la fedeltà, ecc. in un mondo dove non avvenisse mai nulla di errato, sarebbero non solo irrilevanti, ma probabilmente inimmaginabili. Il fatto è che molte delle qualità che ammiriamo negli esseri umani possono funzionare soltanto in opposizione a qualche genere di disastro, dolore o difficoltà; ma la tendenza del progresso meccanico è di eliminare disastri, dolori, difficoltà”.

Eliminare disastri, dolori, difficoltà; quindi, uno “star meglio”. Su questo Ivan Illich ci fa notar una cosa nel suo saggio “La convivialità” (1973): “Una società impegnata nella corsa allo «star meglio» sente come una minaccia l'idea stessa di una qualsiasi limitazione del progresso. È così che l'individuo che non cambia oggetti o terapie conosce il rancore del fallimento e chi ne cambia scopre la vertigine della carenza. Ciò che ha lo nausea, e ciò che vuole avere lo fa soffrire.Il cambiamento accelerato produce su di lui gli stessi effetti che l'assuefazione a una droga: si prova, si ricomincia, ci si abitua, si crede di potersi controllare, ci si ammala, si crolla”.

Ma serve davvero correre, progredire illimitatamente, accelerare? È ancora Illich a offrirci un’osservazione che non sottovaluterei, in “Per una storia dei bisogni” (1977): “Nel Vietnam un esercito super-indu strializzato ha cercato di domare, senza riuscire a batterlo, un popolo che si muoveva alla velocità della bicicletta. La lezione dovrebbe esser chiara. […] Resta da vedere se i vietnamiti applicheranno all'economia di pace ciò che hanno imparato in guerra, se vorranno proteggere quei valori che hanno reso possi bile la loro vittoria. E’ ahimè probabile che, in nome, del progresso e di un maggiore impiego di energia, i vincitori finiscano per sconfiggere se stessi distruggendo quella strut tura equa, razionale e autonoma cui i bombardieri ameri cani li avevano costretti privandoli di combustibili, di motori e di strade”.

Sbaglierò, ma le letture in mio possesso mi dicono che i vincitori, i vietnamiti, non hanno applicato all’economia di pace ciò che hanno imparato in guerra. Pare che anche lì il progresso sia stato strumentalizzato dal potere; un po’ come scriveva Orwell nel suo “1984”, datato 1948: “Il potere consiste nell’infliggere la sofferenza e la mortificazione. Il potere consiste nel fare a pezzi i cervelli degli uomini e nel ricomporli in nuove forme e combinazioni di nostro gradimento. Riesci a vedere, ora, quale tipo di mondo stiamo creando? […] Un mondo di paura, di tradimenti e di torture, un mondo di gente che calpesta e di gente che è calpestata, un mondo che diventerà non meno, ma più spietato, man mano che si perfezionerà. Il progresso, nel nostro mondo, vorrà dire soltanto il progresso della sofferenza. […] Nel nostro mondo non vi saranno altri sentimenti che la paura, il furore, il trionfo, e l’automortificazione”.

E visto quanto – soprattutto in questo periodo – siamo mass-media-dipendenti, concludo con lo stesso testo con cui ho iniziato, “Ritorno al mondo nuovo” di Huxley: “Oltre che la radio, l’altoparlante, la cinepresa e la rotativa, i propagandisti d’oggi possono usare la televisione per trasmettere immagini e voce del loro cliente, registrare immagine e voce su rocchetti di nastro magnetico. Grazie al progresso tecnologico, il Grande Fratello, oggi, può diventare pressoché onnipresente, come Dio”.

Meditiamo gente, meditiamo.

Va da sé che ogni riferimento a persone esistenti e a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

Marco Sommariva

NOVITA'

copertina pubblicazione
SBIRRI!

(2019)
More Nocturne Books
Prefazione di Checchino Antonini

“Sbirri!” raccoglie frasi di scrittori di tutto il mondo, pubblicate negli ultimi centosettant’anni e aventi come oggetto le forze dell’ordine, dalla jugendpolizei citata da Anna Frank nel suo Diario ai poliziotti ausiliari di Patrick Modiano, dai carabinieri di Beppe Fenoglio ai carabineros di Roberto Bolaño, dalla policìa di Jim Shepard ai gendarmi di Carlo Collodi...

>> vai alla pubblicazione
copertina pubblicazione
L'UOMO DEGLI INCARICHI

ROMANZO (2019)
Edizioni Sicilia Punto L
Prefazione di Marino Severini (Gang)
Immagine di copertina shinbross


Un cinquantenne disoccupato riceve una proposta di lavoro da un amico, ma l’occupazione è di quelle che ti cambieranno la vita per sempre.
In seguito alla sua decisione trascorrerà la settimana più movimentata della sua vita: dall’auto dove dormiva, posteggiata nei pressi di un giardino pubblico di Roma, finirà in una casa in riva al mare di Ragusa...
>> vai alla pubblicazione
copertina pubblicazione
INDISPENSABILE

SAGGIO (2019)
Tipografia Helvetica
Prefazioni di Goffredo Fofi, Paolo Di Stefano e Gianfranco Manfredi

Prefazione di Goffredo Fofi
Oggi nell’editoria abbondano i manuali di saggezza scritti da guru che ci dicono cosa bisognerebbe fare perché il mondo non vada in malora. O meglio «In puzza», come si diceva a Roma al tempo del Belli. Ci viene abbondantemente spiegato cosa fare per vivere meglio: andare in bicicletta invece che in automobile, mangiare carciofi invece di bistecche...
>> vai alla pubblicazione
>> leggi l'articolo su Indispensabile uscito su Libero il 17/11/2019

Il capitano di polizia era proprietario di quello stesso bordello che fingeva di perquisire.

Upton Sinclair

Non c'è un posto in questo mondo peccaminoso dove un uomo onesto e lavoratore riesca a guadagnare un po'.

William Faulkner

Il debole e il disarmato vengono calpestati nel fango e nessuno sente le loro grida.

Henry Miller

Si spende tutto a mantener soldati, milioni a mucchi in cannoni e in bastimenti e alla povera gente nessuno ci pensa.

Edmondo De Amicis

Il destino è un'invenzione della gente fiacca e rassegnata.

Ignazio Silone

Chi ruba poco va in galera e chi ruba tanto ha le ville e i palazzi.

Italo Calvino

Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia.

Pier Paolo Pasolini

La vera libertà ci sarà solo il giorno in cui non ci saranno più né dio né padroni.

Carlo Cassola

Ogni sorta di imbroglione professa moralità.

Charles Dickens

Il potere del denaro… beh, è un articolo di fede nei confronti del quale professo tutto il mio scetticismo.

Robert Louis Stevenson

Non pensare al denaro, allo stato sociale eccetera; impara a giudicare la gente da quello che è.

Archibald Joseph Cronin

La colpa di tutte le persone di sinistra dal 1933 in avanti è di aver voluto essere antifasciste senza essere antitotalitarie.

George Orwell

Nessuno può governare senza colpe.

Arthur Koestler

La vita di un popolo non è che un susseguirsi di miserie, crimini e follie.

Anatole France

Si può non avere le stesse idee e stimarsi lo stesso.

Emile Zola

Certamente Dio non esisteva; infatti, nel caso contrario, i preti sarebbero stati inutili.

Albert Camus

Quasi tutti i desideri del povero sono puniti con la prigione.

Louis-Ferdinand Céline